coppia abbracciata

La prevenzione è importante!

Richiedi un check-up gratuito

CHECK-UP GRATUITO!
CHECK-UP GRATUITO!

Intarsio dentale fa male

Intarsio dentale fa male
Gli intarsi dentali sono una tipologia di otturazione che viene utilizzata per riparare i denti, generalmente quelli posteriori, che presentano fratture o carie lievi o comunque moderate. Con questo trattamento, il dente recupera lo stesso aspetto estetico che aveva nel suo momento iniziale.

A conti fatti, un intarsio dentale è paragonabile ad una otturazione quindi, come accennato poco fa, ma realizzato in laboratorio e quindi adattato più precisamente alla forma del dente originale. La differenza principale tra un riempimento dentale (otturazione) e un intarsio risiede nei materiali utilizzati, nel tempo necessario per il fissaggio al dente, nella durata e nei costi. Ma l’intarsio dentale fa male? Lo scopriremo più avanti nell’articolo. Prima di parlare di questo, infatti, scopriamo quando è indicato andare dal dentista per farsi installare degli intarsi dentali, come questi vengono posizionati e e quali sono i vantaggi per chi decide di sfruttarli.

Quando sono indicati gli intarsi dentali?

Per realizzare un intarsio dentale è necessario soddisfare una serie di requisiti. Gli inlay non possono essere utilizzati quando il dente ha subito importanti restauri precedenti, ha una forma anormale o funge da supporto di una protesi fissa di grandi dimensioni.

A prescindere dal fatto se l’intarsio dentale fa male o meno, è caldamente indicato nei seguenti casi:

- quando la lesione della carie o la frattura che si è verificata sul dente è così grande che questa non può essere trattata con ricostruzioni dentali. In tal caso viene infatti sicuramente sfruttato l'uso degli intarsi dentali
- nei casi in cui abbiamo eseguito un trattamento endodontico sul dente danneggiato ed è stato lasciato con pareti strutturali molto deboli
- quando vengono rimosse grandi otturazioni di metallo o amalgama

Come vengono posizionati gli intarsi?

Prima di capire se l’intarsio dentale fa male, affrontiamo ancora questo argomento e andiamo quindi a vedere come viene installato. Le due fasi di studio e applicazione vengono effettuate solitamente in due appuntamenti separati, che ora vi descriviamo nel dettaglio.

- Durante il primo incontro, l'area del dente che riceverà l'intarsio viene pulita e preparata. Le impronte del dente sono anche prese per realizzare l'intarsio in laboratorio. In questa stessa visita, viene effettuato un riempimento provvisorio per proteggere l'area in cui deve essere posizionato l'intarsio.

- Durante la seconda visita, invece, viene fatta quando il riempimento provvisorio viene rimosso e l'intarsio viene cementato nel dente, lasciandolo pronto per la sua corretta funzionalità. I materiali principali per realizzare gli intarsi sono il composito e la porcellana. L'uso di questi materiali e la loro elaborazione conferisce a questo trattamento una lunga durata, sicuramente uno dei vantaggi degli intarsi che, ora, andiamo a descrivere nello specifico.

Vantaggi degli inserti dentali

Gli intarsi dentali consentono di conservare al massimo la struttura dentale, poiché la preparazione dentale che viene eseguita è minima. Questo evita trattamenti più aggressivi come corone dentali, garantendo così la durata del lavoro e limitando per l’intarsio dentale dolore o altre spiacevoli conseguenze.
Sono davvero estetici, poiché il materiale utilizzato (porcellana o composito) è quasi identico a quello del dente restaurato. Possiamo parlare di restauri quasi invisibili, perché il dente naturale rimane praticamente lo stesso esteticamente. Insomma, chiunque vi conosce e, quindi, vi vedrà prima e dopo avere installato degli intarsi, molto probabilmente non se ne accorgerà nemmeno!

La differenza fondamentale con otturazioni e ricostruzioni composite è che l’intarsio dentale fa male all'inizio, ma terminato il periodo di adattamento questo non varierà con i cambiamenti di temperatura causati dal cibo. Questi cambiamenti minimi di dimensioni possono causare la frattura dei denti, principalmente del canale radicolare e dobbiamo estrarli. Con un intarsio dentale, sebbene il dolore provato all'inizio, questi rischi sul lungo periodo sono minimizzati.

L’intarsio dentale fa male?

Gli intarsi dentali non sono un trattamento doloroso, quindi non è necessario preoccuparsi. È probabile che ci sia una certa sensibilità post-trattamento che durerà per alcuni giorni / settimane dopo la cementazione dell'intarsio dentale, essendo un processo di adattamento del dente completamente reversibile e normale. L’intarsio dentale fa male in maniera limitata e solamente per qualche giorno, ma siamo confidenti nel pensare che si tratti di una semplice questione di adattamento. A lavoro finito, quando l’intarsio dentale sarà installato e il dolore sarà sparito, ci sono una serie di vantaggi per l’utilizzo quotidiano dell’apparato dentale che non faranno rimpiangere per nulla le piccole sofferenze e dolori provati nei primi giorni a seguito del trattamento!

Trattandosi di un’operazione piuttosto basilare, è possibile andare in cerca di uno studio odontoiatrico certificato nei paraggi, che sia in grado di ascoltare tutte le esigenze del caso e agire nel miglior modo possibile!
Intarsio dentale fa male