coppia abbracciata

La prevenzione è importante!

Richiedi un check-up gratuito

CHECK-UP GRATUITO!
CHECK-UP GRATUITO!

Ascesso parodontale

Ascesso parodontale
L' ascesso parodontale è un accumulo localizzato di pus. La malattia parodontale è la principale causa di ascessi dentali. Questo pus deriva dall'azione del polimorfonucleate contro i batteri o i loro prodotti, ed è principalmente composto da cellule morte, detriti, polimorfonucleati e macrofagi. È caratterizzato da una profonda tasca parodontale con essudato infiammatorio all'interno e il cui foro di drenaggio è chiuso.

Poiché i prodotti tossici generati dai batteri all'interno della tasca non hanno un posto dove andare, questi si accumulano sul fondo della conca parodontale e con loro tutto il contenuto infiammatorio, che provoca l'ascesso parodontale.

Che cos'è un ascesso parodontale?

Si tratta di un'infezione batterica, che coinvolge i tessuti parodontali. Entrambi i fattori ambientali e microbiologici svolgono un ruolo importante nello sviluppo, nella progressione e nel trattamento dell'infezione.

L'ascesso parodontale viene frequentemente considerato come un'emergenza, e per la maggior parte dei professionisti è essenziale eseguire una diagnosi differenziale, mediante test di vitalità della polpa e radiografie.

Tipi di ascessi dentali

Tra i tipi più frequenti di ascessi dentali vi sono quello parodontale e quello endodontico (o periapicale). È importante differenziarli correttamente, al fine di applicare una terapia rapida e adeguata.

Caratteristiche dell'ascesso parodontale

L'ascesso parodontale è un'infezione purulenta localizzata dei tessuti parodontali, che normalmente si trova in un sacchetto parodontale preesistente.

Tra i sintomi troviamo dolore e infiammazione, localizzati dall'improvviso passaggio di batteri nella parete molle della tasca parodontale. I tessuti coinvolti nell'ascesso parodontale sono la radice del dente, con depositi di calcoli e placca batterica, e la parete interna della tasca parodontale. Più profonda è quest’ultima, più è probabile che vi sia uno squilibrio tra la microflora batterica della borsa e le difese dell'ospite, dando origine ad un ascesso parodontale.

Gli squilibri locali possono influenzare questo squilibrio, come la rimozione incompleta del calcolo e della placca batterica dalla superficie della radice, durante il trattamento parodontale. Ciò porta alla chiusura del tessuto cervicale, non lasciando fuoriuscire il materiale purulento dalla parte profonda della borsa.

Anche anomalie anatomiche come solchi dello sviluppo, solchi di molari pesantemente invasi, malocclusioni o impatto di cibo o oggetti possono influenzare, come anche fattori sistemici come diabete, difetti genetici e del sistema immunitario, stress o gravidanza.

Cosa accade con gli ascessi parodontali

La posizione dell'ascesso parodontale è vicino alla regione laterale della radice del dente. Clinicamente si presenta come un'infiammazione acuta, che aumenta man mano di dimensioni. La gengiva ha un colore arrossato e provoca dolore intenso. È un dolore localizzato nel dente interessato, continuo, che non cambia con la temperatura. Il dente in sé non provoca dolore se toccato, e normalmente risponde ai test di vitalità. Nella fase cronica, l'ascesso parodontale provoca una fistola gengivale, per drenare l'essudato purulento e il sangue.

Il trattamento dell'ascesso parodontale consiste nel controllare il dolore e nell'evacuare il pus, per rilasciare la pressione nei tessuti parodontali adiacenti. Inizialmente viene utilizzato un trattamento farmacologico, integrato poi da un trattamento chirurgico parodontale.

Segnali che indicano che potresti avere un ascesso parodontale

I sintomi più frequenti corrispondono a un'infezione acuta come dolore e infiammazione localizzata, oltre a segni di distruzione parodontale attiva: tasca parodontale profonda, sanguinamento e mobilità dentale.

Il dolore è parodontale, cioè costante e sopportabile. Il gonfiore rosso o rosso-bluastro si trova lateralmente al dente interessato, ma può anche interessare il dente vicino. Spesso l'essudato può essere osservato attraverso il solco gengivale della sacca, quindi la presenza di una fistola non è raro.

Lo scenario è tipico di questi casi di ascesso parodontale: scarsa igiene, calcolo, placca batterica, tasche parodontali anormali, denti mobili, ma senza cavità o restauri coronali.

Un ascesso parodontale complica la prognosi del dente interessato, poiché significa un'ulteriore perdita di supporto aggiunta alla parodontite preesistente. In casi gravi, se la mobilità è disabilitante, potrebbe essere necessaria l'estrazione del dente.

Come qualsiasi ascesso dentale, possono causare batteriemie che possono portare ad infezioni distanti in altre parti del corpo.

Se il paziente ha la parodontite, si osservano i tipici segni di distruzione ossea angolare nel dente interessato, ma questi sintomi possono essere mascherati dalla radice, nel caso si verifichi la distruzione ossea nelle facce vestibolari o palatali/linguali.

Trattamento ascesso parodontale

La prima cosa che dovremmo sapere è che l'obiettivo del trattamento è controllare l'infezione. Oltre a prevenire la perdita dei denti ed evitare tutti i tipi di complicazioni, sia per via orale che in generale.

Nella stragrande maggioranza dei casi, si consigliano antibiotici e antinfiammatori per controllare l'infezione presente nell'area.

Inoltre, i risciacqui con acqua calda e sale possono essere molto utili. Il trattamento può essere urgente o differito:

- Urgente: drenaggio e sbrigliamento
- Differito: raschiatura e levigatura delle radici per eliminare il calcolo e la placca batterica. Se la mobilità del dente è molto pronunciata, il dente deve essere rimosso.
Ascesso parodontale