coppia abbracciata

La prevenzione è importante!

Richiedi un check-up gratuito

CHECK-UP GRATUITO!
CHECK-UP GRATUITO!

Impianti Dentali

Gli impianti dentali
La chirurgia implantare dentale è una procedura che sostituisce le radici dei denti con viti metalliche e il dente mancante o danneggiato con un dente artificiale, che ha lo stesso aspetto e svolge la stessa funzione dei denti reali. La chirurgia implantare dentale può offrire un'alternativa interessante a protesi dentarie o ponti che non sono ben fissati, oppure rimediare quando la mancanza di radici dentali naturali non consente la creazione di ponti adeguati.

Il metodo seguito per la chirurgia implantare dentale dipende dal tipo di impianto e dalle condizioni della mascella. Il principale vantaggio degli impianti dentali è un solido supporto per tutti i nuovi denti, tramite un processo che porta l'osso ad integrarsi in maniera completa con l'impianto stesso. Poiché questa guarigione ossea richiede tempo, il processo può richiedere diversi mesi.

Gli impianti dentali vengono posizionati chirurgicamente nella mascella, dove assumono la funzione di radici per i denti mancanti. Poiché il titanio negli impianti si fonde con la mascella, gli impianti non si muoveranno, né faranno rumore o causeranno danni alle ossa, come potrebbero fare i ponti fissi o le protesi.

In generale, gli impianti dentali possono essere adatti a te se:

- hai uno o più denti mancanti
- hai una mascella sviluppata pienamente
- hai ossa adeguate che si integrano con gli impianti (puoi ospitare un innesto osseo)
- hai tessuti orali sani
- non hai malattie che influenzeranno la guarigione delle ossa
- non puoi o non vuoi indossare la dentiera
- vuoi migliorare il tuo modo di parlare e l'articolazione
- sei disposto a impegnarti nel processo per diversi mesi
- non sei fumatore

Quali sono i rischi degli impianti dentali?

Come ogni intervento chirurgico, la chirurgia implantare presenta alcuni rischi per la salute. Tuttavia, è raro che insorgano problemi e, se si verificano, sono generalmente minori e possono essere facilmente trattati. I rischi includono:

- infezione nel sito dell'impianto
- lesioni o danni alle strutture circostanti, come altri denti o vasi sanguigni
- lesioni ai nervi, che possono causare dolore, intorpidimento o formicolio a denti, gengive, labbra o mento
- problemi di sinusite, quando gli impianti dentali posizionati nella mascella superiore sporgono attraverso una delle cavità nasali

Come ti prepari

Il processo di pianificazione per gli impianti dentali può coinvolgere più specialisti, tra cui un medico specializzato in condizioni della bocca, della mascella e del viso (chirurgo maxillo-facciale e orale), un dentista specializzato nel trattamento di strutture di supporto per i denti, come gengive e ossa (implantologo), un dentista che progetta e impianta denti artificiali (protesista) o occasionalmente uno specialista di naso, gola e orecchio (otorinolaringoiatra).

Poiché gli impianti dentali necessitano di una o più procedure chirurgiche, è necessario sottoporsi a una valutazione approfondita per prepararsi al processo, che comprende:

- visita odontoiatrica completa. Potresti aver bisogno di radiografie dentali e 3D per la creazione di modelli di denti e mascella.

- revisione della tua storia medica. Informa il medico se hai condizioni mediche particolari e se stai assumendo farmaci, tra cui integratori e farmaci da banco. In caso, per esempio, di malattie cardiache, il medico può prescrivere antibiotici prima dell'intervento chirurgico per prevenire le infezioni.

- piano di trattamento. Questo piano, creato in base alla tua situazione, tiene conto di fattori come il numero di denti da sostituire e le condizioni della mascella e dei denti rimanenti.

Per controllare il dolore, le opzioni di anestesia durante l'intervento chirurgico sono l'anestesia locale, la sedazione o l'anestesia generale. Verifica con il tuo specialista dentale quale opzione è la migliore per le tue esigenze. Il team di cure odontoiatriche ti dirà cosa mangiare e bere prima dell'intervento, a seconda del tipo di anestesia che riceverai. Nel caso si utilizzasse una delle due soluzioni più invasive, ossia la sedazione e l'anestesia generale, prendi accordi affinché qualcuno ti porti a casa dopo l'intervento chirurgico e cerca di riposare per il resto della giornata.

Di solito, la chirurgia implantare dentale è una chirurgia ambulatoriale eseguita in più fasi, con tempi di guarigione stimati tra una fase e quella successiva. Il processo di posizionamento degli impianti dentali prevede più passaggi, tra cui:

- estrazione del dente danneggiato
- preparazione della mascella (innesto), quando necessario
- posizionamento dell'impianto dentale
- crescita e guarigione ossea
- posizionamento del moncone (abutment)
- posizionamento del dente artificiale

L'intero processo può richiedere molti mesi dall'inizio alla fine e gran parte di quel tempo viene speso per guarire e aspettare la crescita del nuovo osso nella mascella. A seconda della situazione, della procedura specifica eseguita o dei materiali utilizzati, a volte è possibile combinare determinati passaggi.

Quando è richiesto un innesto osseo

Se la mascella non è abbastanza spessa o troppo morbida, potrebbe essere necessario un innesto osseo prima di poter eseguire un intervento chirurgico relativo ad impianti dentali. Questo perché la potente azione di masticazione eseguita dalla bocca esercita una forte pressione sull'osso e, se non è in grado di supportare l'impianto, è probabile che l'intervento chirurgico fallisca. Un innesto osseo può creare una base più forte per l'impianto.

Esistono diversi materiali per l'innesto osseo che possono essere utilizzati per ricostruire una mascella. Le opzioni possono includere innesti ossei naturali, come per altre parti del corpo, o un innesto osseo sintetico, come materiale sostitutivo che possa fornire strutture di supporto per lo sviluppo del nuovo osso. Parla con il tuo medico per comprendere quali siano le migliori opzioni per te.

Potrebbero essere necessari diversi mesi prima che l'osso trapiantato cresca abbastanza da sostenere un nuovo impianto dentale. In alcuni casi, potrebbe essere necessario solo un piccolo innesto osseo, che può essere inserito contemporaneamente alla chirurgia implantare. Lo stato della mascella determinerà come procedere.

Posizionamento degli impianti dentali

Durante l'intervento chirurgico per installare gli impianti dentali, il chirurgo esegue un taglio per aprire le gengive ed esporre l'osso. I fori sono realizzati nell'osso in cui verrà posizionato il perno metallico dell'impianto dentale.

A questo punto, avrai ancora un buco nel punto in cui manca il dente. Un tipo di protesi parziale e temporaneo può essere posizionato per un aspetto migliore, nel caso ne avessi bisogno. È possibile rimuovere questa protesi per la pulizia e durante il sonno.

Tempo di attesa fino alla crescita ossea

Una volta posizionata la vite dell'impianto metallico nella mascella, inizia l'osteointegrazione. Durante questo processo, la mascella cresce e si attacca alla superficie dell'impianto dentale. Questo processo, che può richiedere diversi mesi, aiuta a fornire una solida base per il nuovo dente artificiale, proprio come fanno le radici dei denti naturali.

Collocazione del moncone

Una volta completata l'osteointegrazione, potrebbe essere necessario un ulteriore intervento chirurgico per posizionare l'abutment, la parte in cui la corona viene eventualmente fissata. Questo piccolo intervento chirurgico viene di solito eseguito con anestesia locale in regime ambulatoriale.

Per posizionare il perno degli impianti dentali:

- il chirurgo riapre la gengiva per esporre l'impianto

- la componente secondaria è fissata all'impianto

- il tessuto gengivale, quindi, si chiude non più sul moncone

In alcuni casi, l'abutment viene fissato al perno metallico dell'impianto quando viene impiantato il perno. Ciò significa che non sarà necessario un ulteriore intervento chirurgico. Poiché il moncone supera appena la linea gengivale, potrà essere visto quando si aprirà la bocca, e rimarrà visibile fino a quando il dentista non terminerà la protesi. Ad alcune persone questo aspetto non piace e preferiscono quindi posizionare l'abutment con un'altra procedura.

Dopo aver posizionato il moncone, le gengive impiegheranno circa due settimane per guarire, per poi lasciare la possibilità di posizionare il dente artificiale.

Come scegliere i tuoi nuovi denti artificiali

Una volta che le gengive saranno guarite, verranno realizzate radiografie sulla bocca e sui denti rimanenti. Queste saranno utilizzate per realizzare la corona, il dente artificiale dall'aspetto reale. La corona non può essere posizionata fino a quando la mascella non sarà abbastanza forte da consentire l'uso del nuovo dente.

Tu e il tuo dentista potete scegliere diverse tipologie di protesi: fissa, rimovibile o una combinazione di entrambe. Scopriamole nel dettaglio.

- Protesi rimovibile: può essere parziale o completa. È composta da denti bianchi artificiali, circondati da una gengiva di plastica rosa. È collocata in una struttura metallica fissata saldamente al moncone dell'impianto e si blocca saldamente nel punto in cui viene inserita. Può essere facilmente rimossa per riparazioni o pulizia giornaliera.

- Protesi fissa: in questo caso, un dente artificiale viene permanentemente avvitato o cementato a una componente secondaria per un singolo impianto. Il dente non può essere rimosso per la pulizia o il sonno.

Dopo la procedura

Sia che tu debba subire un intervento di chirurgia implantare in una fase o in più fasi, puoi sperimentare alcuni dolori e problematiche tipici legati a questo tipo di intervento:

- gengive e viso gonfi

- ematomi sulla pelle e sulle gengive

- dolore nel sito di impianto

- lieve sanguinamento

Potrebbero essere necessari farmaci o antibiotici per contrastare il dolore. Se il gonfiore, il dolore o qualsiasi altro problema peggiorasse durante i giorni dopo l'intervento chirurgico, contatta immediatamente il chirurgo che ha eseguito il trattamento.

Dopo la fase successiva all'intervento potrebbe essere necessario mangiare cibi morbidi, aspettando di recuperare completamente. Di solito, il chirurgo utilizzerà punti che si sciolgono autonomamente, ma se ciò non dovesse accadere, sarà lui stesso a rimuoverli.

Risultati

La maggior parte degli impianti dentali ha successo. Tuttavia, in alcuni casi, le ossa non riescono a fondersi abbastanza con l'impianto metallico: il fumo, ad esempio, può impedire all'impianto di integrarsi in modo soddisfacente e portare alcune complicazioni.

Se l'osso non si integra con l'impianto in modo sufficiente, quest'ultimo dovrà essere rimosso: fatto ciò, l'osso deve essere pulito e, dopo circa tre mesi, sarà possibile ripetere la procedura.

Ecco alcuni consigli per riuscire a mantenere sani gli impianti dentali il più a lungo possibile:

- pratica un efficiente igiene orale. Come per i denti naturali, è necessario mantenere puliti gli impianti, i denti artificiali e il tessuto gengivale. Spazzole appositamente progettate, come alcune tipologie particolari di spazzole interdentali, possono aiutare a pulire gli angoli e gli spazi attorno a denti, gengive e perni metallici

- consulta il dentista regolarmente. Programma controlli dentali periodici per garantire la salute e il corretto funzionamento degli impianti, seguendo solo i consigli di pulizia dati da professionisti

- evita abitudini dannose. Non masticare oggetti duri, come ghiaccio o caramelle dure, che possono spaccare le corone o i denti ed evita, per quanto possibile, prodotti contenenti caffeina o tabacco, che possono macchiare i denti.
Impianti dentali